Quando si acquista o si vende un immobile in Italia, sia colui che compra che colui che vende è soggetto al pagamento di alcune imposte. Gli oneri fiscali riguardano dunque sia compratori che venditori, ma in misura decisamente differente e non in tutte le circostanze che possono presentarsi. 

E’ quindi necessario conoscere sia dall’una che dall’altra parte quali tasse sono dovute e in quale misura, anche alla luce dei recenti cambiamenti che si sono avuti nella normativa a partire dal 1 gennaio 2014. La legge 104 del 2013, più nota sotto il nome di Legge di Stabilità finanziaria 2014 ha modificato gli importi richiesti e le aliquote applicate alle tasse sulle compravendite immobiliari.

> Risparmio sui rogiti a partire da gennaio 2014 anche per le seconde case

Le tasse da pagare quando si compra casa

A partire dal 1 gennaio 2014, dunque, coloro che acquistano un immobile, oltre al pagamento del prezzo dell’abitazione, dei costi notarili per l’atto di compravendita e delle eventuali commissioni di agenzia, sono tenuti al pagamento delle seguenti imposte:

  • l’imposta di registro
  • l’imposta ipotecaria
  • l’imposta catastale
  • l ‘eventuale IVA – ma solo se si compra da una impresa costruttrice entro 5 anni dalla fine dei lavori di costruzione o ristrutturazione.

Gli importi e le aliquote specifiche variano però in relazione al fatto che si stia acquistando da un privato o da una impresa di costruzioni e che per l’acquirente si tratti di una prima casa o di una seconda casa.

In cosa consiste l’affitto con riscatto o rent to buy per l’acquisto di un immobile

Le tasse da pagare quando si vende casa

Sempre a partire dal 1 gennaio 2014, invece, coloro che vendono un immobile sono soggetti all’eventuale pagamento delle imposte sulle cosiddette plusvalenze immobiliari, le quali però sono dovute solo in alcune circostanze particolari.

 

Commenti