Disoccupazione, tasso nuovamente in salita a gennaio

Durante il mese scorso è cresciuta attestandosi all'11,7% (11,5% il mese scorso, 12,2% a febbraio 2015). Ma a preoccupare maggiormente è il calo degli occupati, nonché la fine degli incentivi.

1 aprile 2016 16:330 commentiVisualizzazioni: 18

Il taglio degli incentivi alle assunzioni rappresenta un brutto colpo per la crescita dell’occupazione. A dimostrazione che più del Jobs Act e della flessibilità sul mercato del lavoro ad essere efficaci erano gli sgravi fiscali da 8mila euro l’anno per ogni assunzione a tempo indeterminato garantiti dalla legge di Stabilità 2015.

riforma del lavoro

Da gennaio lo sconto è calato a 3.250 euro l’euro e l’effetto è stato immediato: la disoccupazione a febbraio è cresciuta attestandosi all’11,7% (11,5% il mese scorso, 12,2% a febbraio 2015). Certo l’Istat lo ha recepito un mese dopo, ma solo per le sue modalità di rilevazione che si basano su interviste settimanali, ma i dati Inps sull’attivazione di nuovi contratti avevano già registrato il boom di dicembre e il crollo di gennaio. In sostanza le imprese hanno accelerato le assunzioni alla fine dello scorso anno per usufruire degli sgravi fiscali: un dato che ha dunque avuto effetti positivi sulle rilevazioni Istat di gennaio.

A febbraio, il tasso di disoccupazione è salito all’11,7%, ma a preoccupare gli addetti ai lavori è soprattutto il calo degli occupati – tornato ai livelli di dicembre – e l’aumento degli inattivi (soprattutto tra le donne): l’Istat, infatti, stima che i disoccupati a febbraio siano aumentati di circa 7.000 unità, con una crescita percentuale dello 0,3%, mentre gli occupati sono 97mila in meno. “Dopo la forte crescita registrata a gennaio 2016 (+0,7%, pari a +98 mila) – scrivono i tecnici dell’Istat – presumibilmente associata al meccanismo di incentivi introdotto dalla legge di Stabilità 2015, il calo registrato nell’ultimo mese riporta la stima dei dipendenti permanenti ai livelli di dicembre 2015”.

Abbiamo parlato di: , , , , , ,