Calo di import ed export verso Paesi extra Ue

Il calo è imputabile al forte decremento dei beni strumentali (-6,4%).

24 novembre 2014 17:350 commentiVisualizzazioni: 23

Durante il mese di ottobre tanto le esportazioni quanto le importazioni nei confronti dei Paesi extra Unione europea hanno fatto registrare una forte diminuzione in confronto al mese precedente (-1,2% per entrambi i flussi), mentre è da rilevare una crescita tendenziale dell’export (+0,8%) e una forte discesa delle importazioni (-7,8%).

A comunicarlo è l’Istat durante la stima preliminare inerente al mese di ottobre, mese in cui l’avanzo commerciale e’ salito a 4.038 milioni di euro (+ 2.805 milioni a ottobre 2013), il livello piu’ alto da gennaio 1993. Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici e’ uguale a 6,8 miliardi. La diminuzione congiunturale dell’export nei confronti dei paesi extra Ue, spiega l’Istat, è esclusivamente imputabile al forte decremento dei beni strumentali (-6,4%).

Le cessioni di tutti gli altri raggruppamenti principali di beni sono in espansione. La flessione congiunturale dell’import è provocata dalla forte contrazione dell’energia (-7,1%). Al netto dei prodotti energetici si osserva infatti una contenuta crescita (+1,5%). A eccezione dei beni strumentali (-1,3%), gli acquisti di beni degli altri comparti sono in crescita, con un incremento sostenuto per i beni di consumo non durevoli (+5,2%).

Durante l’ultimo trimestre la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue è apparsa positiva (+1,7%). Le vendite di energia (+10,7%), di beni strumentali (+2,7%) e di beni di consumo durevoli (+2,0%) sono in rilevante espansione. Dal lato dell’import, si registra una flessione (-3,6%) da ascrivere all’energia (-12,8%). A ottobre 2014 si rileva una crescita tendenziale dell’export (+0,8%) trainata dai beni strumentali (+3,9%) e dai prodotti intermedi (+2,5%).

Continua l’Istat:

Al netto dell’ energia (-11,0%), le esportazioni registrano una crescita pari all’1,6%. La forte flessione tendenziale delle importazioni (-7,8%) e’ determinata dalla marcata contrazione degli acquisti di energia (-31,6%). Al netto della componente energetica, gli acquisti dai paesi extra Ue sono in forte espansione (+7,5%). Nel mese di ottobre 2014, i mercati di sbocco piu’ dinamici sono Turchia (+13,1%), Stati Uniti (+9,8%) e Cina (+4,8%). Le vendite verso Giappone (-21,7%), Russia (-15,7%) e Asean (-10,6%) sono in marcata flessione. Le importazioni da paesi Opec (-29,9%) e Russia (-19,6%) sono in forte calo.

Abbiamo parlato di: , , , , , , ,